Comunità Next - il quotidiano

Progetti

Gli studi della Fondazione Comunità si concretizzano in progetti sviluppati direttamente o tramite Intel8 Srl, suo braccio operativo, con il sostegno di autorevoli partner istituzionali e sono destinati a individuare soluzioni innovative negli ambiti economici e sociali più rilevanti dal punto di vista dell’attuale evoluzione del sistema e nell’ottica della trasformazione dello Stato e della creazione di un nuovo sistema di mercato.

Per meglio interpretare i cambiamenti intervenuti nel rapporto tra Stato e Cittadino/Utente, la Fondazione concentra la propria attenzione sull’integrazione tra pubblico e privato nella trasformazione dello Stato; sullo sviluppo delle autonomie locali; sui servizi al cittadino; sull’immigrazione e i processi di integrazione; sullo sviluppo e l’uso delle nuove tecnologie.

Dall’analisi evolutiva delle condizioni socio-economiche determinate dalla nostra posizione geografica e dai possibili percorsi di integrazione sociale ed economica delle nuove etnie, derivano il progetto Mediterraneo e WWI – World Works in Italy.

Dallo studio del nuovo rapporto tra Finanza, Economia e Società, attraverso un’azione concreta capace di individuare l’evoluzione del sistema sociale ed economico in rapporto agli investimenti necessari, sono nati progetti quali “Ivrea e il Canavese”, che dall’analisi del sistema socio-economico dell’Eporediese traccia la politica degli investimenti nell’economia locale, e Sviluppo Territoriale, per la definizione di un modello in ambito F.A.S. e P.A.R. per la zona di Taranto, sviluppato da Comunità Puglia in collaborazione con PMI Puglia, Confindustria Taranto, CIE SpA.

La rilevanza delle tecnologie più avanzate ai fini della riorganizzazione di un sistema volto al benessere e a percorsi ottimizzati di cura e assistenza ha trovato sbocco naturale in ambito sanitario nel progetto Sanità.

All’individuazione degli strumenti e dei soggetti che consentano lo sviluppo politico del sistema è finalizzato il Progetto Nuovo Patto Costituente, gestito dalla Fondazione in collaborazione con i promotori della richiesta di convocazione del Consiglio Nazionale della Democrazia Cristiana.

Stampa